Quando serve il medico del lavoro

L’azienda ha l’obbligo per legge di nominare un medico del lavoro e attuare la sorveglianza sanitaria per valutare eventuali rischi per la salute. Per evitare possibili sanzioni, è importante conoscere quando è necessario un medico competente e verificare se per la tua azienda c’è l’obbligo della visita medica dei lavoratori.

Medico del Lavoro

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza

Il primo compito del medico del lavoro è quello di verificare se un soggetto è in stato di buona salute e se può svolgere un certo tipo di attività. Non basta infatti godere di ottima salute ma occorre non avere limitazioni nello svolgere una determinata mansione. E’ necessario quindi che i lavoratori siano sani e che non corrano il rischio di peggiorare una condizione fisica già compromessa.

Esempio: un operaio può avere un’ernia al disco (senza saperlo) e svolgendo un attività di movimentazione di pesi potrebbe aggravarsi ulteriormente. In tal caso il medico del lavoro, diagnosticando la patologia, può prescrivere limitazioni o divieti nel sollevare carichi.

Quindi è possibile prevenire il rischio di incidenti, anche gravi, intervenendo anche su coloro che hanno abitudini incompatibili con il proprio lavoro, ad esempio l’uso di stupefacenti.

Il medico del lavoro ha il compito di:

–    visitare il lavoratore
–    accertarne  lo stato di salute
–    verificare l’assenza di contro indicazioni per la propria mansione
–    assegnare l’idoneità lavorativa
–    monitorare lo stato di salute del soggetto nel periodo successivo alla visita.

La periodicità delle visite puo’ essere annuale, biennale o quinquiennale.

La checklist per verificare se hai bisogno del medico del lavoro

Scopri se hai l’obbligo di nominare il Medico Del Lavoro

Alcuni esempi di quando è previsto il medico del lavoro con indicazione del tipo di visita e motivazione.

Tipologia di mansione
Esempi praticiPeriodicità visita Tipo di visita specifica, oltre a quella generale
Rischi prevenuti o controllati
Videoterminalista (PC piu’ di 20 ore a settimana)
Impiegati, tecnici, disegnatori
Ogni 5 anni.
ogni 2 anni se > 50 anni o prescrizioni
Visiotest

Abbassamento vista, posture scorrette
Rumore
Falegnami, fabbri, muratoriAnnuale
AudiometriaRiduzione udito

Movimentazione Manuale dei Carichi
Magazzinieri, operai, muratoriAnnuale
Visita della schiena
Malattie alla schiena, ernie
Autisti patente CTrasportatoriAnnualeTest delle drogheIncidenti stradali
CarrellistaQuasi tutte le aziende con un muletto
AnnualeTest delle drogheInvestimenti, ribaltamenti

Il medico del lavoro è un medico di base ? NO. La conoscenza dei processi lavorativi e dei rischi connessi è una prerogativa del Medico del lavoro per svolgere correttamente la professione. Non può, quindi, essere un medico comune o il medico del lavoratore, ad effettuare le visite specifiche.

Casi reali di rischi evitati dal Medico Competente

Caso 1: l’operaio sente poco

Azienda: Falegnameria Il medico, tramite audiometria, scopre che l’operaio sta per perdere l’udito a causa del forte rumore prodotto dalle attrezzature. Il medico del lavoro, con una visita approfondita, blocca il progredire della malattia attraverso misure correttive. Misure di Prevenzione e Protezione Adottate: obbligo di utilizzo di tappi a protezione delle orecchie, riduzione del tempo di esposizione dell’addetto, alternando la mansione con altre meno rumorose.

Caso 2: l’operaio lamenta forti mal di testa

Azienda: Azienda Termoidraulica L’operaio, istallatore e manutentore di impianti di condizionamento, lamenta frequenti mal di testa e annebbiamenti della vista. Il medico del lavoro, con una visita specialistica, diagnostica una ipertensione (pressione alta) molto pericolosa che può portare al rischio di infarto. Misure di Prevenzione e Protezione: adozione di terapia farmacologica e riduzione degli sforzi sul lavoro.

Caso 3: l’impiegata accusa dolori al polso dopo un certo tempo di utilizzo del PC

Azienda: Agenzie Assicurativa Il medico del lavoro consiglia l’utilizzo di un tutore correttivo per il polso e l’alternanza del lavoro ripetitivo (scrittura a tastiera) con altre mansioni meno affaticanti, riducendo così il rischio di patologie come il tunnel carpale.

I casi più frequenti

Vediamo quando è previsto nominare il medico del lavoro competente:

  • lavoratori che usano il PC per un tempo maggiore delle 20 ore a settimana;
  • magazzinieri che movimentano pesi nel quotidiano;
  • addetti carrellisti – utilizzo muletto;
  • autisti di mezzi superiori ai 35 q.li;
  • saldatori;
  • falegnami;
  • verniciatori e coloro che sono esposti a polveri;
  • operai di officine meccaniche per il rischio rumore;
  • giardinieri per le vibrazioni trasmesse dalle attrezzature;

 

e in tutti i casi in cui sussistono condizioni che possono minacciare lo stato di salute dei dipendenti.

Griglia di valutazione per la sorveglianza sanitaria: scopriamo quando è obbligatorio nominare il medico competente

ESEMPI DI MANSIONISI’, IL MEDICO E’ OBBLIGATORIONO, IL MEDICO NON E’ OBBLIGATORIO
Commessa in un negozio, solo contatto con i clienti, niente sforziX
Impiegata full time davanti al PC la maggior parte del tempoX
Impiegata part time poche ore al PCX
Autista patente B
Autista di camion (patente C o superiore)X
SaldatoreX
BaristaX
Operaio con macchine controllo numerico, niente sforzi, niente rumoreX
Operaio lavoro manuale con rumore o sostanche chimicheX
VerniciatoreX
CameriereX
Cuoco o pizzaioloX
FalegnameX
GiardiniereX
Fabbrox
MarmistaX
ImbianchinoX

Quali sono i controlli effettuati dal medico del lavoro ?

Generalmente i controlli effettuati dal medico del lavoro sono i seguenti: visita generale uguale per tutti i lavoratori, poi per ciascuno applica uno specifico protocollo sanitario, un percorso di esami specifici differenziati per lavoratore a seconda dell’attività svolta. Esempi: visiotest per gli impiegati, test delle droghe per mulettisti ed autisti, esami del sangue e urine per i verniciatori, esame del rachide (schiena) per chi lavora compiendo sforzi nel sollevare o spostare pesi. Il medico competente, una volta effettuata la visita, può anche assegnare la non idoneità del lavoratore se ritiene che l’attività svolta possa determinare rischi troppo alti. (Esempio: la saldatura per un soggetto con la bronchite cronica, oppure il lavoro in quota sul ponteggio per un muratore che soffre di vertigini). In tali casi il datore di lavoro deve trovare una mansione alternativa compatibile per non mettere in pericolo la vita del lavoratore.

L’idoneità del lavoratore

In alcuni casi il medico del lavoro potrebbe decidere che il lavoratore non è idoneo al 100% a svolgere il suo ruolo in azienda. In questo caso può indicare delle limitazioni (esempio: ad un lavoratore che compie sforzi di sollevamento pesi, e che lamenta problemi alla schiena non gravi, può essere permesso il sollevamento di carichi fino ad un massimo di 10 kg.) In tutte le circostanze il giudizio di idoneità del medico è votato a preservare e tutelare le condizioni di salute del lavoratore.

Il medico in azienda

Oltre alle visite specifiche, il medico effettua sopralluoghi in azienda (almeno una volta all’anno per capire dove e come lavorano i dipendenti), partecipa alla riunione annuale (obbligatoria per aziende con più di 15 lavoratori) insieme al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e allo stesso Datore di Lavoro.

Considerazioni finali

Se i lavoratori sono esposti a rischi per la salute (sostanze chimiche, rumore, vibrazioni) o fanno lavori faticosi, allora il datore di lavoro deve nominare il medico del lavoro al fine di assicurare l’idoneità alla mansione per i soggetti interessati. I nostri medici del lavoro di Monza e Brianza effettuano le visite mediche obbligatorie ai lavoratori e collaborano attivamente nel processo di valutazione dei rischi accedendo ai luoghi di lavoro e raccogliendo informazioni sui processi e sostanze utilizzate in azienda. In caso di controlli da parte dell’Asl la mancata designazione determina sanzioni a carico del datore di lavoro poiché vengono disattesi gli obblighi di tutela del lavoratore. Occorre accertarsi, pertanto, che sia presente questa importante figura qualificata allo scopo di assegnare l’idoneità alla mansione e pianificare visite di controllo periodiche per garantire lo stato di buona salute degli operatori. Il nostro servizio di sorveglianza sanitaria in Monza e Brianza è in grado di fornirvi il medico del lavoro per visite mediche obbligatorie ai lavoratori